NEWS SCOPRI DOCUMENTI
ARMENIA TOUR » I VIAGGI CON CA' FOSCARI

Un paese piccolo e ricco di cultura, è ciò che resta di un territorio un tempo vastissimo, di cui rimane memoria nei siti archeologici, tra i monasteri scolpiti nella roccia, nei mille khachkar, le croci di pietra che raccontano la storia della prima regione cristiana al mondo, all’ombra dell’Ararat.

ARMENIA - IN VIAGGIO CON CA' FOSCARI

PARTENZA VENERDÌ 19 APRILE 2019

viaggio 10 giorni / 9 notti
pensione completa
con voli di linea da Milano Malpensa

4 notti Erevan
1 notte a Goris
1 notte Stepanakert
1 notte Dilijan
2 notti Dzoraghet


Accompagnatore esclusivo Professor ALDO FERRARI
Docente di Lingua e Letteratura Armena, Storia del Caucaso e dell’Asia Centrale e Storia della Cultura Russa

  PROGRAMMA


1° giorno ITALIA - EREVAN
Partenza con volo di linea con scalo per Erevan. Arrivo in tarda
serata, trasferimento in hotel, sistemazione e pernottamento.
2°giorno EREVAN - GARNI - GHEGHARD - EREVAN
Partenza per il villaggio di Garni in cui si trova l’omonimo tempio pagano, unico monumento in Armenia legato alla cultura ellenistica precristiana. Nei pressi visita del monasterodi Geghard (secoli IV-XII), uno dei siti UNESCO in Armenia, permetà scavato nella roccia in unoscenario spettacolare. Pranzo in ristorante nella gola di Gheghard con preparazione del pane tradizionale armeno, il lavash. Rientro a Erevan e panoramica della capitale, attraverso i luoghi più rappresentativi: la Piazza della Repubblica, il Palazzo del Parlamento, l’Accademia Nazionale delle Scienze, il Teatro d’Opera, la statua della Madre Armenia, da cui la vista si apre sul centro storico e sul monte
Ararat. Cena in ristorante, pernottamento.
3° giorno
KHOR VIRAP - NORAVANK - KARAHUNGE -GORIS (260 km)

Partenza di buon mattino per la visita del monastero di Khor Virap, strettamente legato a San Gregorio l’Illuminatore, che operò la conversione del Paese al cristianesimo nel 301. Questo monastero si trova di fronte alla suggestiva presenza del Monte Ararat, simbolo dell’Armenia anche se oggi situato in territorio turco. Prosecuzione e visita, in una gola scoscesa e pittoresca, del monastero di Noravank, uno dei più belli dell’Armenia:all’interno del complesso si trovano le bellissime chiese di San Giovanni Battista e della Madre di Dio. Pranzo nei pressi del monastero. Partenza per la regione meridionale di Syunik: nei pressi della località di Sisian si visita il sito archeologico di Karahunge, osservatorio astronomico del III millennio a.C. In serata arrivo a Goris. Cena e pernottamento.
4° giorno
GORIS - TSITSERNAKAVANK - SHUSHI - STEPANAKERT

Partenza per il Nagorno-Karabakh, che costituisce attualmente una seconda repubblica armena. Varcato il confine, visita del
monastero di Tsitsernavank (V-VI secolo) e prosecuzione per Shushi, a lungo contesa tra armeni e azeri, dove si visitano (dall’esterno) l’importante fortezza settecentesca, il Museo della Storia di Shushi, le moschee di Ashaghi Govhar Agha e di Yukhari Govhar Agha, la chiesa di Kanach Zham e quella di Ghazanchetsots, recentemente ricostruita. Cena e pernottamento in hotel nella vicina città di Stepanakert, capitale del Nagorno-Karabakh.
5° giorno STEPANAKERT - GANDZASAR - DADIVANK - DILIJAN
Partenza per il monastero di Gandzasar (XIII sec.), che significa “montagna del tesoro”: fu sede sino al catholicosato (patriarcato) degli Albani del Caucaso, una popolazione ormai estinta, i cui eredi sono tanto gli armeni del Karabakh quanto gli azeri. A seguire, visita del monastero di Dadivank, recentemente restaurato, di grande bellezza

artistica e paesaggistica. Partenza verso l’area del Lago Sevan, a quasi2000 metri di altitudine. Visita del cimitero di Noraduz, fitto di khachkar, le croci di pietra specifiche dell’arte sacra armena e del monastero di Sevan (IX-X sec.) in posizione panoramica sulla penisola omonima. Cena in ristorante sulla riva del lago e arrivo in tarda serata a Dilijan.
6° giorno DILIJAN - ODZUN - KOBAYR - DZORAGET
Partenza per la boscosa regione di Lori, nell’estremo nord dell’Armenia. La prima visita, nel villaggio di Dzegh, è dedicata alla casa-museo di Hovhannes Thumanian (1869 1923), importante poeta armeno, originario di questi luoghi. Quindi arrivo nel villaggio di Odzun, situato su uno splendido pianoro che digrada a precipizio sul fiume Debed. Qui si visita l’importante basilica risalente ai secoli VI-VII. A seguire, visita del monastero di Kobayr, parzialmente diroccato ma caratterizzato dalla presenza di notevoli affreschi, diffusi in questa parte dell’Armenia. Prosecuzione per Dzoraget, dove si pernotterà.
7° giorno HAGHPAT - SANAHIN - AKHTALA - DZORAGET
Partenza per il magnifico complesso monastico di Haghpat (X-XIII sec.), un luogo di grande bellezza artistica collocato in un paesaggio mozzafiato. Questo monastero è stato a lungo il centro culturale più importante dell’Armenia settentrionale assieme a quello, non distante, di Sanahin, entrambi siti UNESCO: in questi monasteri si compilavano trattati scientifici, si creavano codici miniati, si insegnava teologia, ma anche medicina, musica e pittura. Al termine della giornata visita della cattedrale di Akhtala (fine X sec.), situata quasi al confine con la Georgia e di grande interesse per gli splendidi affreschi del XIII secolo. Rientro a Dzoraget per il pernottamento.
8° giorno
DZORAGET-AMBERD-SAGHMOSAVANK -HOVANNAVANK - EREVAN

Partenza verso le pendici meridionali del Monte Aragats (4090 m), il più alto dell’attuale Armenia, con sosta al singolare complesso monumentale dell’alfabeto armeno, eretto a 1500 anni dalla sua creazione, avvenuta nel 405. A seguire, visita alla fortezza di Amberd (VII-XIII sec.) nella quale si osserva con chiarezza il carattere “feudale” dell’antica Armenia. Nel pomeriggio visita del monastero “dei salmi” (Saghmosavank) del 1215 e di quello in tufo dicromo di Hovhannavank dedicato a San Giovanni Battista, entrambi in una posizione molto bella sul bordo di un profondo canyon. Rientro a Erevan e sistemazione in hotel, cena in hotel o ristorante, pernottamento.
9° giorno EREVAN
In mattinata visita del Matenadaran, l’Istituto dei Manoscritti Antichi, dove si conservano circa 17.000 manoscritti e codici miniati. È un luogo di grande importanza culturale, che esemplifica il rapporto intenso che nel corso dei secoli gli armeni hanno avuto con il libro, sentito come entità viva, un bene prezioso da salvare e proteggere in ogni frangente della loro storia tormentata. Prosecuzione delle visite con il Museo e il Mausoleo del Genocidio, testimonianza silenziosa e pregnante della tragedia del 1915, che sconvolse la vita del popolo armeno senza però spegnerne la straordinaria vitalità. Pomeriggio libero. Cena in ristorante con musica caratteristica.
10° giorno EREVAN - ITALIA
In tempo utile trasferimento in aeroporto per la partenza con volo di rientro per l’Italia.

SCARICA IL PROGRAMMA SCARICA LA LOCANDINA
MARCOPOLO Srl - P.Iva e CF 03840010270 - Chi siamo | Privacy e note legali | Copyright